Elegia

Non muoverti.

Se ti muovi lo infrangi.

È come una gran bolla di cristallo

sottile

stasera il mondo:

è sempre più gonfia e si leva.

O chi credeva

di noi spiarne il ritmo e il respiro?

Meglio non muoversi.

È un azzurro subacqueo

che ci ravvolge

e in esso

pullulan forme immagini arabeschi.

Qui non c’è luna per noi:

più oltre deve sostare:

ne schiumano i confini del visibile.

Fiori d’ombra

non visti, immaginati,

frutteti imprigionati

fra due mura,

profumi tra le dita dei verzieri!

Oscura notte, crei fantasmi o adagi

tra le tue braccia un mondo?

Non muoverti.

Come un’immensa bolla

tutto si gonfia, si leva.

E tutta questa finta realtà

scoppierà

forse.

Noi forse resteremo.

Noi forse.

Non muoverti.

Se ti muovi lo infrangi.

Piangi?

E. Montale

Se vuoi puoi scrivermi qui un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.